Guarda anche

tag selvaggi 2

Tag selvaggi: Tizio ha taggato te ed altre 45 persone in una foto

I tag selvaggi sembrano essere diventati la moda del momento su tutti i social network. Facebook, Twitter ed Instagram sono la piazza e gli utenti che compongono la rete, sono i passanti in versione 2.0.

Il problema è che non tutti trovano educato il tag, soprattutto quando è utilizzato per ottenere visibilità a tutti i costi.

Se hai scritto un nuovo post per il tuo blog, esistono modi molto più educati per ottenere visibilità. Il tag è ben accetto quando è inerente alle persone che si stanno andando a nominare e quando l’argomento è di loro sicuro interesse.

Facciamo un esempio pratico: questo post nasce da conversazioni su Telegram e su WhatsApp a mò di lamento verso chi utilizza questa pratica. Se al momento della condivisione sui social network, io decidessi di lanciarmi sulla strada del tag per ottenere visibilità a pacchi, la modalità giusta sarebbe quella di utilizzare il tag ai diretti interessati in questo modo:

Oggi io e Monia abbiamo scritto un post dedicato ai tag selvaggi. Ringraziamo anche Tizio, Caio e Sempronio per l’ispirazione.

O ancora:

Tag selvaggi su Facebook? No grazie! Le mille conversazioni con Tizio, Caio e Sempronio, ci hanno ispirato a scrivere un nuovo blogpost. Che ne pensate?

Vietatissimo, ma sempre più in uso:

Un nuovo blog post dedicato ai tag selvaggi – Con Tizio, Caio, Sempronio, Pincopallino, Ciccio (e via di tag fino alla quota desiderata)

E se all’interno del Facebook post ancora non hai raggiunto un numero sufficiente di tag ad minchiam, potrai serenamente recuperare nei commenti con un semplice:

Cc Giovanni, Pietro, Paolo, Antonio (e così va dicendo)

Con questo mio sfogo semiserio, non voglio insegnare niente a nessuno, ma solo invitarti a ragionare sulle modalità di interazione presenti in rete.

La parola a Monia Taglienti, esperta di comunicazione digitale

Le forme del comunicare trovano aspetti, canali e metodi diversi a seconda degli obiettivi che ci poniamo davanti.

Oggi assistiamo a diverse interruzioni del nostro flusso preferito di informazioni sui canali digitali, date da campagna sponsorizzate (il più delle volte non correttamente settate) e da maniaci dei social.

Le interruzioni, non curanti dell’inbound marketing, ma completamente rivolte alla logica arcaica dell’interruption marketing, non badano a cosa stai facendo, dove lo stai facendo e a che ora lo stai facendo.

Le interruzioni, arrivano indiscriminatamente via:

  • Mail
  • Smartphone
  • Social

E tutti sappiamo che l’85% delle persone è quotidianamente con uno smartphone in mano che racchiude tutto ciò che abbiamo appena menzionato: quindi in un modo o nell’altro le interruzioni ci interrompono.

Ormai sono di moda alcuni tipi di interruzioni come i tag selvaggi!

Veniamo taggati ovunque e qualsiasi ora ci ritroviamo in flussi di discussione o di informazioni a cui non avevamo richiesto di partecipare perché semplicemente non ci interessa, stavamo facendo altro o perché abbiamo già detto la nostra e non vogliamo più parlarne.

Il tag selvaggio a mio avviso è l’uccisione della comunicazione democratica e paritaria resa grazie alla rete e alle connessioni, è il modo più insolente di entrare a gamba testa e di dirci “Guarda siamo qui, parla con noi” un po’ come gli urlatori nelle piazze, come quelli che ti fermano quando stai mangiando il gelato e ti chiedono cosa ne pensi di mettere una firma per una non precisata campagna.

Il rimuovi tag è la soluzione!

E quindi? Come si fa ad ottenere visibilità sui social senza taggare a casaccio?

Come spiegato da Monia Taglienti, il tag selvaggio è l’uccisione della comunicazione democratica. Se vuoi migliorare le visite al tuo blog o portare traffico ai tuoi post sui social network, quello che devi fare è studiare una strategia di comunicazione che ti permetta di raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissato.

Portare tutti i tuoi amici su un particolare contenuto, può diventare estremamente controproducente, soprattutto quando il tutto viene fatto in maniera forzata e senza alcuna velatura.

Con questo non stiamo dicendo che il tag non deve mai essere utilizzato, anzi… Bisogna solo imparare ad utilizzarlo responsabilmente, con cura e rispetto nei confronti degli utenti che fanno parte della tua rete.


Grazie per aver letto il nostro pensiero sui tag selvaggi. Ci teniamo a sapere cosa ne pensi, quindi faccelo sapere qui o sulla pagina Facebook.
Desideri formazione sulle best practice dei social network?

Contattami

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

15 − 2 =

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi